La magia della luce

Il caldo mi sta squagliando anche i pensieri, e in questi giorni sto solo cercando di sopravvivere facendo il conto alla rovescia per le tanto agognate ferie.

giphy

Ma nel frattempo condivido con voi un pezzo uscito oggi su Sgaialand Magazine di cui vado molto orgogliosa: ho intervistato Francesco Gallo, un ragazzo veneziano che di professione fa il lighting artist.

Ecco uno stralcio dell’intervista.

Francesco Gallo ha solo 27 anni ma vanta un curriculum di tutto rispetto: nel suo percorso ha già lavorato per Bigrock, BlueZoo e Jellyfish Pictures. Ma andiamo con ordine per scoprire la sua storia.

Francesco è un lighting artist:Mi occupo cioè di ricreare le luci all’interno delle scene 3D, grazie al programma con cui lavoro che è Autodesk Maya, uno dei programmi più usati per la realizzazione di immagini digitali”.

È originario di Mirano, in provincia di Venezia, e ci racconta divertito le idee poco chiare che aveva alla fine del liceo quando, preso dal panico perché non sapeva cosa fare, aveva provato il testi di ammissione per tre facoltà universitarie: fisioterapia, economia internazionale e arti visive. Nel frattempo iniziò a frequentare altri corsi, tra cui anche di fotografia, e piano piano in lui nasceva una vera passione.

In parallelo era cresciuta anche una curiosità verso l’arte multimediale e la produzione di immagini con il computer. “Così, quando ho scoperto che era possibile ricreare la luce a mio piacimento all’interno di una scena tridimensionale, unendo le mie due passioni, la fotografia e il multimediale, ho deciso di iscrivermi al master in computer grafica di Bigrock”.

Bigrock è un “Institute of Magic Technologies”, una scuola di computer grafica a Roncade, in provincia di Treviso, un’eccellenza della nostra Terra delle Meraviglie dove Francesco non solo ha studiato, ma ha avuto anche l’opportunità di lavorare, occupandosi principalmente di foto e video.

Il resto dell’intervista lo potete leggere su Sgaialand.